QUEL GIORNO AL PALACONGRESSI …

Gentilissimi  ospiti, care amiche ed amici del Firenze Sud!

 L’onore che i Soci mi hanno riconosciuto a fine Novembre 2016 nell’ eleggermi (seppure in mia assenza …) alla presidenza del nostro Club è davvero grande ed è gravato da una doppia responsabilità:

a) la prima è quella, evidente, di guidare il Club dopo le ottime annate scorse, con programmi e temi molto interessanti, di grande attrattività ed interesse rotariano; ho già detto martedì scorso come Sandro abbia alzato l’asticella oltre il record mondiale di salto in alto di Javier Sotomajor (2.45 m) e dunque noi abbiamo dovuto prendere una lunghissima rincorsa …. Ce la faremo a saltare ? potremo andare oltre ?

b) la seconda responsabilità (della quale in realtà mi sono accorto solo un paio di mesi dopo la mia elezione !) è quella derivante dal guidare il Club oltre il giro di boa dei suoi 50 anni: e certamente NON per tornare indietro al porto di partenza, ma per approdare in un’ altro porto sicuro consegnando il n.o vascello al futuro comandante Piero !

Si, davvero accadde “Quel giorno al Palacongressi …”: così è documentato nei nostri annali in occasione del 25.mo anniversario del Club celebrato nell’A.R. 1993/’94, sotto la presidenza di Fosco Nutini, come mostra la diapositiva (grazie a G. Chidichimo e G. Landini!): vedete la “ruota” della prima riunione del 22 maggio 1969 e la foto del primo nostro Presidente, Alessandro Boglione.

Dunque un anniversario tondo e importante, un vero e proprio Giubileo, del quale tutti noi (la squadra del Direttivo, delle Commissioni, del comitato organizzatore e della task force) abbiamo sentito la responsabilità, a partire dall’autunno scorso, e della quale ci siamo fatti carico senza lesinare le nostre forze, il nostro tempo ed il nostro spirito di servizio …

Ma andiamo per ordine, e consentitemi una piccola innovazione: desidero iniziare con i ringraziamenti (che di solito vengono per ultimo), conscio come sono (da relatore veterano …) che solo dopo pochi minuti il livello di attenzione degli ascoltatori scende quasi sempre assai rapidamente … Non voglio correre questo rischio e pertanto ecco i miei più caldi …

 

RINGRAZIAMENTI

  1. Eredito la guida di un Rotary Club del quale si parla bene (anzi: molto bene) nel nostro Distretto (ed anche un po’ fuori da esso, per esempio in Germania), un Club di grande coesione e di provata ed indiscussa probità rotariana: di tutto questo non posso che ringraziare tutti i Past Presidents, rivolgendomi simbolicamente a Sandro, che mi ha passato il testimone una settimana fa. Considero tutti Voi, cari amici ex Presidenti, dei veri Maestri e vi devo molto, in quanto da tutti Voi, indistintamente, ho imparato qualcosa … Pur tuttavia, per onorare degnamente la Vostra opera, sento il dovere di portare il Club in avanti, e di costruire sopra la vostra eredità, pur continuando lungo la strada da Voi tracciata …

  2. Sono sentitamente grato a tutta la nostra squadra 2018/’19 (Direttivo, Commissioni, Comitato Organizzatore per il Giubileo, la Task Force per il Global Grant) che vi presenterò al termine di questa esposizione; squadra che si è resa disponibile sin dalla fine di Settembre scorso (prima riunione alla Casagrande Serristori di Figline il 22 sett., ben 2 mesi prima dell’elezione del Direttivo …); tanto, tantissimo lavoro è già stato fatto, in pieno spirito di servizio, senza lesinare né tempo né energia, e tutto fa sperare in bene. Grazie a tutti voi e buon lavoro !

  3. Un ringraziamento particolare è dovuto a Massimiliano Tacchi, Governatore del Distretto 2071 per il 2018/’19, all’assistente per l’ Area Medicea 1, P. Belli, ed ai delegati M. Gucci e G. Brajon, per il continuo, paziente e forte supporto dato al nostro lavoro di preparazione per l’annata giubilare; avrò modo di tornare in seguito su questo …

  4.  Last but least: un grazie amoroso a Doris, mio grande ed intelligente sostegno, guida silenziosa e paziente, la compagna insostituibile di una vita …

Vi chiedo infine di associarVi a me nell’inviare un grato e riconoscente saluto agli amici del Club che ci hanno lasciato di recente e che noi onoriamo stasera con la presenza assicurataci da Laura e Rita. Grazie per esser qui con noi !

 

L’ANNATA 2018’19 DEL ROTARY INTERNATIONAL

Barry RASSIN, del RC East Nassau/Bahamas/USA, è il Presidente Internazionale del RI per l’a.r. 2018/’19; la nomina di Barry (1 settembre 2017) ha fatto seguito all’improvviso decesso di Sam F. Owori (lo scorso luglio), appena due settimane dopo aver assunto l'incarico di Presidente eletto del Rotary International.

Ho letto e riletto, meditato e soppesato l’ affascinante e coinvolgente relazione inaugurale di Barry Rassin all’assemblea del RI a S. Diego del 14 gennaio scorso (mi piacerebbe tanto leggervela tutta, ma il tempo proprio non me lo consente): la mia ansiosa attesa dell’annuncio del tema per l’annata internazionale 18/’19 era motivata dal fatto che alcune idee di base per il nostro programma del Firenze Sud erano già ben abbozzate. Sarebbero state queste ben in linea con il tema dell’annata fissato da Rassin ???

BE THE INSPIRATION  -  SIATE DI ISPIRAZIONE

Bingo ! Con questo tema mi sono sentito da subito in perfetta sintonia, sulla stessa lunghezza d’onda del nostro Presidente Internazionale:

“Il lavoro del Rotary non comincia o finisce con ognuno di noi; La responsabilità che ci è stata affidata è quella di fare leva sul lavoro di coloro che ci hanno preceduti, e costruire una base forte, per il lavoro che deve ancora essere realizzato; Servire nel modo più efficace ed efficiente possibile; Mantenere trasparente e responsabile il lavoro che svolgiamo; Cambiare il maggior numero possibile di vite, in meglio, e in modo più significativo e duraturo; Assicurare che il Rotary possa continuare a fornire la migliore esperienza ai suoi soci: che possa continuare a crescere e ad essere utile per il mondo, non solo quest’anno e l’anno prossimo, ma ben oltre il nostro tempo nel Rotary e anche oltre il nostro tempo sulla terra.”

“Crediamo in un mondo dove tutti i popoli, insieme, promuovono cambiamenti positivi e duraturi nelle comunità vicine, in quelle lontane, in ognuno di noi.”

“Il service davvero sostenibile deve veramente esaminare tutto ciò che facciamo nell’ambito di un sistema più ampio, a livello globale”

IL TEMA DELL’ ANNATA 2018/’19 DEL RC FIRENZE SUD

LE SFIDE DI OGGI: entrando nel vivo del tema della nostra annata, lo spirito del “siate di ispirazione” del Presidente Rassin ha pienamente corrisposto a quanto noi stavamo immaginando : dal Rotary dell’ IO al Rotary del NOI, dal Rotary dell’essere (o peggio: “dell’apparire”) al Rotary dell’amicizia e della fratellanza, della coesione, dell’ immaginare, dell’ orientare, del guardare avanti … e del fare, dopo attente riflessioni, nell’interesse della comunità . Passione, entusiasmo, audacia ... Ecco la leadership che ci chiede il Rotary !

Una visione dunque decisamente orientata alla nostra Comunità, senza però rimanere prigionieri della sindrome localistica e provinciale del “… my backyard”. E del resto, qui l’azione della Rotary Foundation ci ispira di nuovo, con un duplice approccio al sostegno di azioni Globali (Global Grants) ed a quelle locali (District Grants): dunque, mantenere ben radicata la propria azione alla Comunità di riferimento, senza frapporre barriere e confini geografici al nostro intervento.

Ed ecco la nostra idea tematica (o meglio: il filo conduttore) per l’annata 2018/’19: il Rotary e/per il Mediterraneo (un nuovo Rinascimento per il Mediterraneo). Un’idea, questa, maturata sin dalla fine della scorsa estate, ispirata certamente (ma non solo !) dagli sconvolgenti sviluppi degli ultimi venti anni e dallo straordinario carattere rotariano delle enormi sfide che la nostra società deve fronteggiare (E BADATE BENE: NON SOLO QUELLA DELLE MIGRAZIONI !). Non voglio qui dilungarmi (né tanto meno posso) affrontando gli aspetti della pace e delle identità culturali, della salute, dell’energia e dell’ambiente, delle grandi infrastrutture (le nuove vie della seta), ecc. ecc.  che fanno del Mediterraneo la vera grande emergenza per tutto il nostro Continente, MA ANCHE UNA GRANDE OPPORTUNITA’ per l’Italia in prima fila, “sdraiata al sole” per 2000 km proprio nel centro dell’intero bacino …. Come vedete, perfino Renzo Piano (ormai un vero “guru” del pensiero moderno e non più soltanto una grande “archistar”) si preoccupa del futuro del Mediterraneo, con i giovani e per i giovani ...

E del resto, noi non scopriamo niente di nuovo: la “vocazione” di Firenze ad occuparsi dei problemi del Mediterraneo è assai antica e risale (per quello che mi è dato di sapere) addirittura all’ ottobre 1958 ! Essa merita senz’altro di essere rilanciata in ambito rotariano. Chi, infatti, se non proprio Giorgio La Pira era in grado, 60 anni fa, di vedere così lontano nel futuro e di immaginarne i possibili scenari ? La collega Bruna Bagnato del nostro ateneo, che a Dicembre ci terrà una relazione sul tema (a quattro mani con M. Primicerio, Presidente della Fondazione La Pira e erede culturale del grande Sindaco) ci darà un’ ampia e circostanziata dimostrazione di tutto questo.

Infine: quanto “rotariana” sia la nostra scelta di questo tema, ci è stato confermato da innumerevoli circostanze. Cito per tutte soltanto la grande attenzione che il Rotary International gli dedica, come dimostrato dai numerosi eventi recentemente organizzati, non solo in Italia. L’ultimo si è tenuto a Taranto, giusto a fine aprile scorso, alla presenza del Presidente Internazionale Ian Riseley e del Presidente della RF, Paul A. Netzel. Non posso infine sottacere il grande aiuto ed il supporto di Massimiliano Tacchi, nostro Governatore 2018/’19, che ha condiviso con noi l’ idea sin dal suo nascere e l’ ha a sua volta fatta propria e divulgata perfino all’Assemblea dei Governatori di S. Diego, a metà Gennaio scorso.

UN SGUARDO A VOLO D’UCCELLO SUL PROGRAMMA

Sappiamo tutti che le cinque linee d’ azione del Rotary rappresentano il fondamento teorico e pratico della vita di ogni club. E’ ovvio pertanto che, seppure nel quadro generale del tema che ho illustrato, il nostro programma 2018/’19 si atterrà a queste linee, senza trascurarne alcuna.

Ecco adesso le principali attività che abbiamo preparato e che vi descrivo adesso “a volo d’uccello” senza poter scendere in dettagli e particolari. Vi ricordo comunque che questa presentazione troverà un seguito la prossima settimana con gli interventi della Commissione Progetti, del Comitato organizzatore delle celebrazioni per il Giubileo e della Task Force che ha preparato la domanda di Global Grant (confermo: dal Rotary dell’ IO, al Rotary del NOI).

In ordine di priorità:

  1. (azione interna) promuovere l’ amicizia, la coesione del club, la sua efficienza e visibilità, attraverso l’ assidua partecipazione alle riunioni ed il coinvolgimento sempre più intenso dei nuovi soci, ma anche con visite a musei/centri/istituzioni, con escursioni e viaggi (a questo proposito sono già programmate: gita S.Vivaldo/ Castelfalfi/Tonda con serata dalla n.a Ginevra Nardi Dei a Montaione; gita a Cascia/Reggello, per ammirare il Trittico di Masaccio, sua prima opera datata di certa attribuzione, e assaggio dell’ “olio nuovo” al frantoio di S. Tea; gita a Matera, capitale europea della cultura 2019, 18-23.4.2019 (URGENTE prendere contatto con la segreteria/Luca Petroni);  visita a Prato, alla Galleria del vento dell’ Univ. di Firenze; visita al Museo della Fondazione di Scienza e Tecnica; visita a Villa Salviati, al parco, alle grotte ed all’ Archivio storico dell’Unione Europea (con la guida, in esclusiva, del Direttore, Dieter Schlenker), etc. etc.

Per l’efficienza e la visibilità: con l’aiuto della Commissione amm.ne e la segreteria promuoveremo un’azione “a tappeto” fra i Soci al fine di garantire l’iscrizione di tutti al sito Myrotary. Questa è ormai una misura assolutamente necessaria ed essenziale per la vita del nostro Club

  1. (azione professionale) Sarà data assoluta priorità (ed evidenza) al lavoro di tutte le commissioni: l’organizzazione delle serate, con la scelta dei temi e delle relazioni e dei relatori, è avvenuta ed avverrà solo attraverso di esse. Questo renderà possibile e riconoscibile il loro prezioso e fondamentale lavoro. Festeggeremo anche un anniversario ancora più tondo del nostro Giubileo: il 500.o anniversario della morte di Leonardo da Vinci (il 30.4.19 per il 2 maggio 2019)

  2. (azione di interesse pubblico) i progetti di “service” locali attraverso i District Grants: vi riferirà più in dettaglio la Commissione Progetti il prossimo martedì (Cianfanelli e Lupoli, con un ringraziamento speciale a G. Alterini), ma è stato dato il massimo sostegno a quelle azioni già iniziate e che noi abbiamo ritenuto di assoluto valore (a titolo d’esempio: è già stata approvata la continuazione del progetto di para-dressage). Vogliamo inoltre attivare quei progetti che riteniamo di assoluto valore, indipendentemente dal loro finanziamento distrettuale, ma in collaborazione con altri Club: la voreremo a questo con la Commissione di Massimo Lupoli

  3. (azione internazionale) rivitalizzare i gemellaggi esistenti, attivarne dei nuovi, progetti umanitari in regioni in via di sviluppo (AUPA), viaggi all’estero (Albania 25.8.-1.9.2018, Germania/ Amburgo, 1-5.6.2019, Conviviale Interclub con il RC Dresden Goldener Reiter). Quanto al Global Grant in occasione del Giubileo, vi tornerò brevemente fra un minuto, ma riferirà in dettaglio Joern Lahr mart. prossimo

  4. (azione giovanile) dare voce e “potere” ai giovani: progetti ROTARACT (65 gocce ed altri), attivazione e promozione del contatto con il MD ROTARACT Med-MDIO, Mediterranean Multi District Information Organization 

  5. le celebrazioni del 50.mo anniversario: i) una conviviale di gala con ospiti e autorità rotariane e cittadine (7.5.2019, “I 50 anni del Firenze Sud: la parola ai Past-Presidents”) con la presentazione di un volume celebrativo curato da G. Chidichimo, G. Landini e dal sottoscritto ed interventi di tutti i Past-Presidents, ii)  1 Global Grant, Borsa di studio annuale di dottorato, in Salute Materna e Infantile, da usufruire presso l’ Univ. Cattolica NSBC di Tirana”, GG 1875350 già chiuso ed approvato dal Distretto (Joern Lahr vi illustrerà fra una settimana i contenuti ed il complesso iter di questo progetto) , iii) (DIAPO 13) un incontro internazionale (International Rotarian Colloquium: “Un nuovo Rinascimento del Mediterraneo/A new Renaissance for the Mediterranean area” (17-18-19 Maggio 2019), che si terrà prevedibilmente a Palazzo Vecchio, Salone dei Cinquecento, ed ha già ottenuto il Patrocinio di 4 Distretti rotariani, del Multi Distretto ROTARACT Med MDIO, della Assemblea Parlamentare del Mediterraneo e di 3 maggiori reti universitarie mediterranee,  iv) alcune serate nel corso dell’anno dedicate ai vari aspetti e temi rotariani che  caratterizzano la nostra annata

Solo per v.o pro-memoria vi ricordo i prossimi immediati incontri di Luglio: il 10 (interventi interni), il 17 (Prof. E. Siviero con “I collegamenti stabili nel Mediterraneo e le nuove vie della seta”), il 24 (con l’ on. Tritan Shehu su “Italia, Albania e Europa”); la riunione del 31 luglio è cancellata, ma vi sarà una conviviale Interclub a Tirana, Albania, il 30 agosto (durante il n.o viaggio).

LA NOSTRA SQUADRA 2018/’19

Vi ricordo adesso la nostra squadra per l’annata 2018/’19:

Il Consiglio Direttivo 2018/’19

Presidente:                 Claudio Borri

Vice-Presidente:        Gloria Cellai

Segretario:                 Andrea Magherini

Tesoriere:                   Stefano Andorlini

Consiglieri:                 Franco Angotti, Gloria Cellai, Jörn Lahr, Alessandro Petrini,

                                     Luca  Petroni, Grazia Tucci

Prefetto:                     Piero A. Germani

Istruttore del Club:   Giovanni Cecioni

Past President:          Sandro Rosseti

Presidente eletto:     Piero A. Germani

 

Le nostre Commissioni:

Effettivo: G. Cellai, G. Nardi Dei, A. Petrini e P. Sacchi

Amministrazione: G. Chidichimo, Piero A. Germani, F. Puccioni, L. Rucci

Pubbliche Relazioni:  L. Petroni, G. Tucci, F. Cianfanelli, P. Sacchi, C. Cappelletti,  

                                      A. Giusti (Rotaract)

Progetti/Sport: M. Lupoli, G. Alterini, C. Baggiore, , Luca Manneschi, A. Savia

Relazioni internazionali: J.Lahr, C. Borri, G. Vannini

Services umanitari (AUPA):  S. Fucile,  G. Cellai, T. Moretti (Rotaract), J. Lahr, C. Novi,

                                                 A. Pizzetti

Arte e Cultura: L. Rucci, G. Cecioni, F. Cianfanelli, G. Chidichimo

ROTARACT: C. Chiorra, A. Bandelli, G. Giorgetti, A. Magherini, P.F. Marranci,

                     Tommaso Moretti (Presidente RAC 2018/’19)

Rotary Foundation: G. Cecioni M. Peruzzi, L. Petroni

Newsletter, Comunicazione, visibilità, sito web: A. Magherini, G. Chidichimo, F. Del Prete

Volontari del Rotary:  G. Tucci, L. Petroni, V. Risaliti (Rotaract)

Scienza, Tecnica e salvaguardia dei beni culturali:  M. Calamia,  C. Borri, P.A. Germani,

                                                                                          L. Manneschi, G. Tucci

 

Il Comitato Organizzatore per il Giubileo:

Presidente -   Pier Augusto Germani

Membri –       Pietro Belli – Assistente del Governatore

                        Claudio Borri – presidente RC Firenze Sud

                        Maria Teresa Bruno

                        Giovanni Cecioni

                        Gloria Cellai

                        Giuseppe Chidichimo

                        Aldo Danesi

                        Giovanni Giorgetti

                        Giancarlo Landini

                        Jörn Lahr

                        Andrea Magherini

                       Tommaso Moretti – Presidente RTC Firenze Sud

                        Lucio Rucci

 

La “Task Force” per il Global Grant:

Coordinatore  -        Jörn Lahr      

Membri –                 Claudio Borri      Presidente RC Firenze Sud

                                  Andrea Magherini               

                                  Giovanni Cecioni                                                    

                                  Pier Augusto Germani        

                                  Luca Petroni 

                                  Tommaso Moretti – Presidente RTC Firenze Sud

 

CONCLUDENDO …

 

L’annata 2018/’19 sarà necessariamente un’ annata speciale per il nostro club, che richiede un impegno altrettanto speciale: 50 anni di vita devono essere degnamente onorati. Vi posso garantire che il nostro impegno è stato, è sarà, per tutto l’anno, al massimo livello compatibile con le nostre forze e le nostre possibilità. Confido che l’annata risulti all’altezza delle vostre aspettative, che ho sentito essere molto elevate … che Iddio ci aiuti ! ma adesso… adesso abbiamo bisogno di tutti voi, per trasformare un progetto ed una visione in una vera e propria azione (e speriamo: di successo), per il bene del nostro Club, del Rotary e di tutta la nostra Comunità.

 

Grazie per la vostra attenzione: vi sono grato, e lo sarò sempre, per l’onore che mi avete fatto.

 

 

 

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Post in evidenza

FORZA LEO…

April 30, 2019

1/5
Please reload

Post recenti

April 30, 2019

April 2, 2019

March 19, 2019

February 26, 2019

February 19, 2019